Dal nostro blog Personalizzare la tua campagna video = + attenzione
26 agosto 2017 | The Digital project

L’accessibilità di un contenuto video è così diffusa da potenzialmente renderne “virale” l'effetto. Ma c’è anche il rovescio della medaglia. Come distinguersi tra le migliaia di contributi postati e colpire il proprio pubblico?

Spoiler. La risposta è: personalizzazione. Unita ad una bella idea e ad un servizio-prodotto giusto per il target. Quindi, il suggerimento è di personalizzare una campagna video per raddoppiarne l’efficacia. Vediamo come fare con qualche suggerimento utile.
#digitalexperience
#videocontentstrategy
Ma prima. Rewind. Non ci sono dubbi: l’obiettivo di una campagna pubblicitaria è quello di raggiungere il proprio target nel modo più efficace e rapido possibile.
Ergo, i video sono diventati una droga buona per raggiungere lo scopo più rapidamente. Attraverso i video infatti è possibile mostrare ciò che vogliamo a chi ci interessa in maniera più comprensibile, creando un legame di fidelizzazione tra offerente e cliente, come già sottolineavamo in un altro articolo del nostro Magazine. Ma, come dicevamo, l’offerta sta raggiungendo volumi mostruosi (numeri e back link su questo ho bisogno di chiarimenti) che è impossibile che possano essere fruiti e apprezzati dalle persone.
Perché allora continuare a creare contenuti video?
  • I mobile device trainano i contenuti in rete: oltre la metà degli italiani che sono in possesso di smartphone dichiara di guardare video attraverso il proprio dispositivo mobile.
  • I social si sono adattati: Instagram ha aumentato la durata video da 30 fino a 60 secondi
  • Facebook ha dichiarato i video come contenuto privilegiato, e proprio nei giorni scorsi ha varato una nuova, rivoluzionaria tab Video chiamata Watch che lancerà la sfida a Youtube
  • Facebook ha introdotto le registrazioni live, stando al passo con Snapchat.
  • Gli utenti rimangono circa 2 minuti più a lungo su un sito se contiene un video.
  • Il 79% dei consumatore preferisce vedere un video riferito a un prodotto piuttosto che leggerne un testo
  • Il 68% delle  informazioni apprese attraverso una comunicazione audiovisiva è considerata più affidabile rispetto alle informazioni via testo.
  • L’80% dei consumatori che guardano un video se lo ricordano dopo 30 giorni
  • Il 75% dei video visti online ha interazioni con video visti in passato
  • Quando utilizziamo video sui social media, l’audience si coinvolge dieci volte di più rispetto ai post


 
In poche parole, l’informazione visuale trasmette e assorbe meglio rispetto ai testi (il 90% dell’informazione è compresa meglio dagli uomini se è visuale e non scritta) come riporta Barbara Sgarzi nel suo libro “ Social Media Journalism”, Edizione Apogeo. E così si trasforma in un straordinario tool per fare business di qualsiasi tipo.
Quindi, la regola fondamentale da tenere a mente è che la differenza sta nel contenuto. Creare un video che parla ai più, perde inevitabilmente il messaggio che si vuole mandare al proprio audience. Questo può risultare deleterio, non facendo sentire importanti, uniche, le persone che realmente sono interessate al prodotto. Personalizzare diventa quindi il primo verbo quando ci si vuole differenziare in un mercato sempre più competitivo.

Perché è così importante la personalizzazione?
Personalizzare una campagna video marketing è un eccellente modo di aumentare ancora di più il coinvolgimento degli utenti con informazioni rilevanti e centrati ad personam, perché la comunicazione diretta, che parla direttamente al consumatore, diventa rilevante per la comunicazione con il pubblico. Vediamo qualche motivo:

#1 Sfruttare al meglio la propria base dati/CRM
Finalmente, con la personalizzazione si può fare un uso attivo di tutti i dati sepolti nel forziere dell’azienda. Sfruttare i dati dai CRM infatti per creare video, storie, interessi e preferenze può essere straordinariamente efficace per pilotare il coinvolgimento del contenuto giusto per la singola persona. Come? Per esempio una campagna personalizzate che incoraggia i singolo cliente a fare un upgrade del proprio piano tariffario secondo le sue specifiche esigenze. Esattamente quello che ha fatto Tesco Mobile in UK, lanciando una campagna di Dynamic Video ADS su Facebook con lo scopo di vedere e monitorare i clienti in click through rate secondo il proprio targeting e alla localizzazione (vedi caso).

#2 Essere personale, non personalmente identificabile
Come abbiamo detto in precedenza, è bene utilizzare un vasto assortimento di dati dei clienti durante lo sviluppo di campagne, ma evitate di diventare “troppo familiari”. Le informazioni trasmesse ai clienti dovrebbero mostrare che le conoscete e comprendete, non che lo spiate. I video non devono mai incorporare dati personali identificabili come numeri di carta di credito, password, numeri di previdenza sociale ... persino indirizzi e cognome specifici. Quando costruisce rapporti digitali, c'è una linea sottile tra “avvolgere” qualcuno e “allarmare”. Fai attenzione a non attraversarla.

 

Personalizzazione campagna video

  • 100% è la crescita annuale dei video visti su YouTube (Source)
  • 94% è l’aumento dei video postati su Facebook (Source)
  • Il 43% delle persone vuole vedere più contenuti video dai marketers nel futuro (Source)
  • L’80% del traffico web entro il 2019 sarà solamente di video (Source)
#3 Personalizzare con uno scopo
Per coinvolgere veramente i consumatori con le campagne ADV bisogna porsi  la domanda che il consumatore si pone, ovvero: “Perché mi dovrebbe interessare questo contenuto video?” I dati che scegliamo di includere dovrebbero servire a uno scopo più ampio, ovvero spiegare un servizio specifico, illustrando in modo chiaro perché acquistare un prodotto.
Le persone sono maggiormente colpite da quello "che potrebbe essere un prodotto" anziché da "ciò che è realmente", il che significa che se presentate qualcosa con un approccio visivo e  orientato al marketing, probabilmente avremo successo. L’obbiettivo? Fornire dei valori a un prodotto in cui le persone riescano a immedesimarsi più facilmente attraverso il format video.

#4 Fare attenzione al voice-over
La voce d’accompagnamento di un video, se prevista nel concept, è fondamentale. Il 75% dei consumatori dichiara di essere scoraggiata dall’acquisto di un prodotto a causa di una voce reputata fastidiosa o alienante (Fonte). Importante da tenere in considerazione è l’associazione voce - target prodotto. Infatti il 69% crede che sia più efficace promuovere un prodotto femminile con una voce dello stesso sesso, il 53% un prodotto maschile con una voce maschile. Ancora più importante è l’informalità. Ben l’83% non ne vuole sapere di sentire voci impostate rivolgersi in tono formale. Un ultimo tip: inserire sempre le caption (didascalie minime) per facilitare la comprensione del video in mobilità senza volume acceso.

#5 (meglio) Essere concisi che noiosi
Il 50% degli utenti dichiara che la durata ideale di un video deve essere di più o meno 60 secondi (Fonte). Nessuno ha tempo da perdere e, anche se ne passiamo molto a guardare video su internet, la facilità con cui scartiamo un contenuto troppo lungo e poco accattivante soprattutto nell’incipit è notevole. Per il 17% del campione intervistato l’ideale è persino meno di 60 secondi  tutto, subito e velocemente, mentre il 33% preferirebbe qualcosa di più lungo - tra 1 e 2 minuti. Un consiglio? Non interpretare i dati come sopra una regola ferra, ovviamente. La raccomandazione è di abbondare con i minuti solo quando siamo certi di avere il binomio: contenuto forte per il destinatario giusto. In quel caso i minuti diventano secondi…

Quali conclusioni?
Il pubblico oggi è sempre più esigente e fast-consuming. La personalizzazione video diventa quindi un sistema unico per risolvere due problemi in un colpo solo. Con la personalizzazione è possibile matchare i comportamenti salienti della singola persona a una proposta video vincente, dotata cioè di una strategia efficace a dare realmente del tu alla persona e a creare quei presupposti di attenzione e fiducia necessari alla conversione più facile.

Se vuoi scoprire di più su come personalizzare la tua strategia di video marketing con la più performante soluzione in circolazione e costruire un progetto basato sulle tue esigenze clicca qui.

 
#thedigitalproject

Hai individuato un'opportunità? Per realizzarla
siamo l'altra metà del cielo.